Incentivi Ricerca Sviluppo: chiarimenti credito d’imposta

Incentivi Ricerca Sviluppo, l’Agenzia delle Entrate, attraverso la circolare 5E, ha fornito alcuni chiarimenti in merito al credito d’imposta di cui possono beneficiare i liberi professionisti per le spese riguardanti attività di Ricerca e Sviluppo. In particolare la circolare precisa che sarà agevolata al 100% la certificazione da parte di un professionista che attesta la veridicità dei costi rendicontati per attività di ricerca e sviluppo, mentre non sarà ammissibile agli incentivi la ricerca su commissione di terzi.

Incentivi Ricerca Sviluppo, spese per attività di certificazione contabile

La circolare specifica che le imprese non soggette a revisione legale dei conti e prive di un collegio sindacale devono avvalersi di un revisore o di una società di revisione legale dei conti, che certifichi la documentazione contabile richiesta per beneficiare dell’agevolazione.
Nel decreto attuativo del bonus ricerca era specificato che si considerano “ammissibili”, entro il limite massimo di euro 5.000, le spese sostenute per la suddetta attività di certificazione contabile dei costi. La circolare ha precisato che l’importo del contributo attribuito per le spese di certificazione si aggiunge al credito d’imposta spettante, ne consegue, che le spese sostenute per la certificazione della documentazione contabile, sono deducibili dal reddito di impresa per l’intero importo.

Incentivi Ricerca Sviluppo, ricerca su commissione di terzi

Per quanto riguarda il secondo punto, nella circolare viene esplicitamente chiarito che non possono essere annoverati tra i beneficiari, i soggetti che effettuano attività di ricerca e sviluppo su commissione di terzi.
Il decreto riconosce l’agevolazione in questione solo alle imprese che investono risorse in attività di ricerca e sviluppo, sia svolgendola direttamente sia commissionandola a terzi sulla base di appositi contratti. L’esclusione si basa sul fatto che l’impresa commissionaria in realtà non sostiene i relativi costi, in quanto li addebita, in base ai corrispettivi contrattualmente previsti, al committente che ne sostiene l’onere.

 

 

Ulteriori informazioni

@GoldenGroupBO

 

[contact-form-7]

L’articolo Incentivi Ricerca Sviluppo: chiarimenti credito d’imposta sembra essere il primo su Golden Group.

Leggi l'articolo su www.goldengroup.biz