Bando formazione lavoro Campania: presentazione delle domande fino all’8 febbraio 2022.

Bando formazione lavoro Campania: presentazione delle domande fino all’8 febbraio 2022.

Bando formazione lavoro Campania: di cosa si tratta.

L’obiettivo del bando è quello di finanziare, tramite l’erogazione di contributi a fondo perduto o voucher, le iniziative progettate e realizzate dalle imprese che inseriscono in azienda risorse umane funzionali al rilancio produttivo.

Nello specifico, per la linea A “INSERIMENTO IN AZIENDA DI RISORSE UMANE FUNZIONALI AL RILANCIO PRODUTTIVO”, sono finanziabili:

  • Progetti per l’inserimento di figure professionali nei settori in emergenza di rilievo territoriale (secondario e terziario) colpiti in modo
    particolare dalle conseguenza della pandemia da Covid-19. Si intendono: contributi per tirocini extracurriculari (della durata di almeno 3 mesi), contratti di apprendistato assunzioni a tempo determinato/indeterminato volti a sostenere le imprese e i lavoratori maggiormente colpiti dall’emergenza. I contributi potranno coprire anche costi accessori per la sicurezza (dalla formazione ai dispositivi di protezione, sino all’assicurazione accessoria);
  • Progetti per l’inserimento di figure professionali le cui competenze mirino ad innovare l’organizzazione d’impresa e del lavoro. Si intendono: contributi per tirocini extracurriculari (della durata di almeno 3 mesi), contratti di apprendistato o assunzioni a tempo determinato / indeterminato con l’obiettivo di innovare la gestione del lavoro e gli stessi processi aziendali attraverso l’inserimento di nuovi strumenti e/o competenze legate alle seguenti tematiche:
    • Smart working;
    • Gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro;
    • Introduzione di processi di e-commerce;
    • Nuove figure per l’innovazione (es. export manager, digital manager,…).

Per la linea B “FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PER LE IMPRESE PER GESTIRE L’EMERGENZA ED IL RILANCIO PRODUTTIVO”, saranno concessi:

  • Formazione sicurezza. Contributi/voucher per azioni di formazione finalizzate alla crescita delle competenze in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, anche in riferimento alle indicazioni post emergenza.
  • Formazione smart working. Contributi/voucher per azioni di formazione per la crescita delle competenze in tema di smart working.
  • Formazione competenze strategiche. Contributi per azioni di formazione per la crescita delle competenze strategiche post emergenza: marketing digitale, nuovi canali commerciali on line.
  • Formazione e Certificazione Competenze digitali. Contributi per azioni di formazione per la crescita e la certificazione di alcune competenze digitali che sono alla base di molteplici processi di cambiamento post emergenza.

Soggetti beneficiari del bando.

Potranno accedere alle agevolazioni le imprese che, alla data di presentazione della domanda e fino alla concessione dell’aiuto, siano in possesso dei seguenti
requisiti:

  • Siano Micro o Piccole o Medie imprese (MPMI);
  • Abbiano sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Napoli;
  • Siano attive e in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese;
  • Siano in regola con il pagamento del diritto annuale;
  • Non siano in stato di fallimento, liquidazione (anche volontaria), amministrazione controllata, concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;
  • Abbiano legali rappresentanti, amministratori (con o senza poteri di rappresentanza) e soci per i quali non sussistano cause di divieto, di decadenza, di
    sospensione;
  • Abbiano assolto gli obblighi contributivi e siano in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro;
  • Non abbiano forniture in essere con la Camera di commercio di Napoli.

Ciascuna impresa avrà la possibilità di presentare una sola richiesta di contributo alternativa tra la Linea A e la Linea B.

Le agevolazioni saranno accordate sotto forma di voucher, di importo unitario massimo di 5 mila euro per la Linea A e 3 mila euro per la Linea B.
L’entità massima dell’agevolazione non potrà superare il 70% delle spese ammissibili. Sia che per la Linea A che per la Linea B, alle imprese in possesso del rating di legalità verrà riconosciuta una premialità di 250 euro nel limite del 100% delle spese ammissibili e nel rispetto dei pertinenti massimali de minimis.

Bando formazione lavoro: le spese ammissibili.

Sono ammissibili le spese per:

a. Tirocini extracurriculari, contratti di apprendistato, assunzioni a tempo determinato/indeterminato;
b. Servizi di consulenza e/o formazione coerente con le finalità del bando;
c. Acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali finalizzati alla realizzazione degli interventi;
d. Attività del personale interno (tutor aziendale, docente interno, etc.) direttamente coinvolto nello sviluppo dell’azione.

Sono, invece, escluse dalle spese ammissibili quelle sostenute per:
a. Trasporto, vitto e alloggio;
b. Servizi di consulenza specialistica relativi alle ordinarie attività amministrative aziendali o commerciali, quali, a titolo esemplificativo, i servizi di consulenza in
materia fiscale, contabile, legale, o di mera promozione commerciale o pubblicitaria;
c. Servizi per l’acquisizione di certificazioni (es. ISO, EMAS, ecc.);
d. Servizi di supporto e assistenza per adeguamenti a norme di legge.

Tempistiche di presentazione delle domande di accesso al bando formazione lavoro.

Le aziende interessate ad accedere al bando potranno presentare domanda fino alle ore 21.00 del 8 Febbraio 2022.

Per ulteriori dettagli contatta Golden Group e resta aggiornato sul nostro blog!

Leggi l'articolo su www.goldengroup.biz