Autotrasporti-merci: il credito di imposta contro gli effetti del caro-carburante

Sono state pubblicate le agevolazioni previste per il settore dell’autotrasporto delle merci per conto terzi, per mitigare gli effetti economici dell’aumento del prezzo del gasolio a causa della guerra in Ucraina.

Il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, ha firmato il decreto che consente alle imprese interessate di usufruire di un credito di imposta pari al 28% delle spese sostenute nel primo trimestre del 2022, al netto dell’Iva, per l’acquisto di carburante impiegato su mezzi di categoria Euro 5 o superiore.

Specifiche del contributo.

Il decreto ministeriale, definendo criteri e modalità per l’assegnazione delle risorse alle imprese beneficiarie, attua le disposizioni previste dal decreto-legge “Misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle imprese e attrazione degli investimenti, nonché in materia di politiche sociali e di crisi ucraina”.

Lo stanziamento per il 2022 è pari a 497 milioni di euro.

Tempistiche di presentazione delle domande.

La domanda per accedere al credito d’imposta va presentata attraverso un’apposita piattaforma predisposta dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Per fruire del credito di imposta, da utilizzare esclusivamente in compensazione, le imprese beneficiarie devono presentare il modello F24 unicamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dell’ Agenzia delle Entrate.

Per ulteriori dettagli e per beneficiare degli incentivi contatta Golden Group oppure resta aggiornato sul nostro blog!

Leggi l'articolo su www.goldengroup.biz